logo-mini

Il Fotografo

MBA

.Mauro Barbolini, fotografia e pensiero, personaggio schivo, poeta della fotografia, dai mille mestieri e tante passioni. Mette al primo posto, oltre alla professionalità del suo lavoro, natura e libertà.
La creatività, l’intuito, la semplicità lo portano a sperimentare la fotografia in molti campi, ottenendo riconoscimenti professionali. Tra i più importanti, da Kodak, vincitore del concorso “Ritratto”; dall’UNESCO di Parigi, “Fotografia di Reportage” premiato tra i migliori fotografi del mondo.
Mauro dice: “sono contento quando persone, apparentemente comuni, guardando le mie fotografie rimangono affascinate, molto più di una recensione di un critico, significa che sono riuscito a renderla leggibile e creare emozione”.

La voglia di fermare il tempo,

la voglia di vedere,

la voglia di raccontare….

La fotografia mi scorre dentro, mi invade come l’acqua riempie i vuoti.

Voglio vedere, voglio sapere.

La memoria non è sufficiente a riempire la mia mente. Non posso sfuggire al linguaggio delle immagini, è una presenza costante. Ho bisogno di crearle, immaginarle, forti, stupende, crude, emotive. Forse non per rivederle, forse solo per una sete curiosa, forse… non so, è un bisogno che ho. E’ una sfida, anche una scusa per isolarmi, ma mi attira l’idea di costruire una mia personale visione della vita.

Non so scrivere, ma fotografare si…. e piuttosto bene. Cerco il particolare, l’angolo, la luce, trasformo una realtà, una visione, la modifico. Tolgo, semplifico, isolo l’attimo, lo sguardo si concentra, l’attenzione è alta.

Sono coinvolto.

Voglio di più. Ed è quello che faccio, tutto diventa piacevole, diventa emozione, mi riempie l’anima e la mente.

                                                                               barbamauro